• Alosys Communications

Asset Management Solution



La gestione ottimale degli asset IT sta diventando sempre più rilevante nelle realtà aziendali.

Sta diventando sempre più rilevante nelle realtà aziendali la gestione ottimale degli asset IT.

Tracciare gli asset aziendali costituisce un processo fondamentale e un investimento per l’azienda che vuole risparmiare risorse economiche e tempo: sviluppo e implementazione della tranciabilità degli asset non solo riducono i costi di amministrazione, ma snelliscono anche il business, migliorando la qualità del servizio clienti e spingendo alla scalabilità del proprio business.


Partendo dalle realtà più semplici nelle quali gli asset di interesse sono Personal Computer (desktop e portatili), si può arrivare a situazioni più complesse che gestiscono come asset dai software installati, agli apparati di rete, ai palmari, e qualche volta anche apparati come gli ups, o i televisori lcd sui muri della società.


Il servizio deputato alla gestione di queste entità viene chiamato Asset Management. I suoi compiti sono molteplici Sostanzialmente il servizio di Asset Management deve provvedere alla gestione delle informazioni del ciclo di vita degli asset.


Il ciclo di vita degli asset è composto da diverse fasi:


· Approvvigionamento (Procurement)

· Messa in esercizio (Deploy)

· Esercizio (Use)

· Aggiornamento (Upgrade)

· Manutenzione

· Ritiro

· Dismissione


A seconda della complessità della realtà aziendale e della numerosità degli asset, possono essere considerate piattaforme più o meno sofisticate di Asset Management.


Approvvigionamento


È la fase iniziale del ciclo degli asset e comprende attività di prospetto di acquisto, ordine pezzi e loro immagazzinamento. Alcune piattaforme permettono la pianificazione dell’acquisto di asset in relazione a progetti IT.

Ad ogni entità che viene considerato asset, viene assegnato un numero univoco, chiamato AssetTag o AssetNumber, che permetterà di individuarlo univocamente. In questa fase vengono anche trattate le informazioni vitali concernenti i contratti che possono essere di acquisto/garanzia e manutenzione (Contract Management).


Messa in esercizio


La fase di messa ha lo scopo principale di rendere utilizzabile l’asset, con una corretta configurazione e prevede il prelievo da magazzino e l’installazione

In questa fase vengono inserite nella macchina delle informazioni atte a poterla identificare.

E’ prevista anche una configurazione di asset identification.

So software, detti agent che permettono una manutenzione remota, e al processo di integrazione con l’Asset Management di recuperare informazioni.

Esistono tuttavia sistemi di discovery agentless, che riescono a reperire informazioni senza bisogno dell’installazione preventiva di un agent.


Fase di esercizio


La fase di esercizio dell’asset nella realtà aziendale coinvolgerà tutta una serie di altri servizi come la business continuity, il monitoring, il tuning, e la sicurezza che comprende anche piattaforme di backup.

Per quanto riguarda l’Asset Management, nella fase di esercizio interessano le cosiddette Change Request; sostanzialmente il servizio di Asset Management deve essere aggiornato tempestivamente ad ogni cambiamento di stato della macchina.


Aggiornamento, manutenzione e fasi finali


L’aggiornamento e la manutenzione degli asset attingono informazioni dal servizio di Asset Management.

Le informazioni presenti in un Asset Management possono essere di vario tipo:

· Fornitori addetti alla presa in carico del pezzo non funzionante

· Gestione della garanzia

· registrazione dei costi

· tracciamento delle anomalie

· tracciamento dell’asset

etc..


queste informazioni permettono un’ottimizzazione sia della spesa, che dell’efficienza relativa al lavoro prodotto con l’utilizzo dell’asset.


Ritiro e la Dismissione

Il ritiro prevede uno stoccaggio dell'asset nel magazzino, con la possibilità di ritorno in esercizio.

La Dismissione è l'uscita dell'asset dal parco della società e la sua rottamazione

informazioni permettono un’ottimizzazione sia della spesa, che dell’efficienza relativa al lavoro prodotto con l’utilizzo dell’asset.




Le motivazioni per l’introduzione di un servizio di Asset Management, dovrebbero a questo punto essere abbastanza chiare. Parametri fondamentali sono la numerosità degli asset, e la loro dinamicità, ma anche le previsioni di crescita a medio lungo termine. Quando il cosiddetto TCO (Total cost of ownership) diventa rilevante è necessario cominciare ad impostare una politica di gestione del parco macchine che permette da una parte di avere il controllo della posizione infrastrutturale IT, e dall'altra di tenere sotto controllo i costi imputati ad essa, e il ROI (Return of Investments).


I nostri prodotti Alosys per gestione degli Asset aziendali:


WAM (Web Assets Management)

WAM Tm è un’applicazione che gestisce il ciclo di vita degli asset aziendali personalizzando il workflow alle specifiche esigenze dei Clienti.


TEM (Telecom Expenses Management)

TEM è un SaaS che verifica la congruità della fatturazione dei provider, correlando fatture, contratti, listini prezzi e asset del Cliente. Permette il benestare al pagamento e la ripartizione dei costi ai rispettivi centri di competenza.


SCAM (Supply Chain & Assets Management)

SCAM è un'applicazione che introduce la tecnica RPA per la gestione degli Asset e delle fatturazioni degli operatori TELCO e ne riduce drasticamente i costi di esercizio.